index index index index index
Titolo CARROZZINE MANUALI ED ELETTRICHE, SISTEMI DI POSTURA, CUSCINI ANTIDECUBITO: SCELTA, PERSONALIZZAZIONE, ADDESTRAMENTO ALL'USO E MANUTENZIONE - Evento n. 5129-253335
Durata 50 ore
Pubblicazione Dal 04/03/2019 ore 00:00 al 31/12/2019 ore 24:00
Razionale e obiettivi formativi Gli utenti di carrozzina sono molti ed in costante aumento. Per gran parte di essi la carrozzina e' un ausilio di primaria importanza per il benessere e la vita di relazione, sui quali l'impatto della carrozzina e' strettamente legato all'appropriatezza della scelta, della personalizzazione e dell'addestramento all'uso.
I primi passi per una scelta appropriata sono definire le esigenze dell'utente, che devono ritenersi strettamente individuali, e strutturare un percorso di valutazione che preveda prove degli ausili potenzialmente idonei. Poiche' l'appropriatezza della carrozzina deve essere stabilita' anzitutto dall'utente, va adottata una modalita' di scelta imperniata sulla sua partecipazione.
Al contempo, occorre conoscere la merceologia funzionale della carrozzina, per individuare i modelli e le configurazioni da provare alla singola persona. Per facilitare la conoscenza della merceologia, le carrozzine sono raggruppate in diverse classi secondo caratteristiche strutturali e di funzionamento.
La postura è l'aspetto della carrozzina che piu' incide su benessere e funzionalita' degli utenti, interessarsi del sistema di postura e' pertanto essenziale. Sono presentate le informazioni che consentono di allestire il sistema di postura in funzione delle esigenze individuali di comfort e funzionalita'. Tali informazioni sono convenientemente raggruppate secondo gli obiettivi biomeccanici principali della postura seduta: sostegno di bacino e arti inferiori, sostegno posteriore del tronco, sostegno degli arti superiori, sostegno laterale del tronco, neutralizzazione dei movimenti involontari destabilizzanti, sostegno del capo, gestione delle deformita'.
La prevenzione delle lesioni da pressione in carrozzina è un tema che riguarda la gran parte degli utenti. Si affrontano i fattori di rischio, gli strumenti generali di prevenzione, la merceologia funzionale dei cuscini antidecubito, la loro valutazione individuale. Gli importanti obiettivi ottenibili con una carrozzina ben scelta e personalizzata si possono conseguire appieno solo se l'utente la usa in modo appropriato: per questo, l'addestramento riveste un ruolo essenziale. E' impegno spesso sottovalutato, a volte perfino omesso, ma che ripaga molto in termini di sicurezza e funzionalita'. Sono esposte le regole di base dell'addestramento motorio e descritte le tecniche fondamentali per condurre la carrozzina sia in veste di utente, sia di accompagnatore. Il corso, sara' un FAD "dinamico". Ossia nei video, oltre alle presentazioni, vi saranno anche dimostrazioni pratiche con gli ausili didattici a disposizione.

OBIETTIVO: DOCUMENTAZIONE CLINICA. PERCORSI CLINICO-ASSISTENZIALI DIAGNOSTICI E RIABILITATIVI, PROFILI DI ASSISTENZA - PROFILI DI CURA
Destinatari Terapista occupazionale, Psicologia, Cure palliative, Geriatria, Malattie dell'apparato respiratorio, Medicina dello sport, Medicina fisica e riabilitazione, Medicina generale (medici di famiglia), Medicina interna, Medicina termale, Neurologia, Neuropsichiatria infantile, Ortopedia e traumatologia, Pediatria, Pediatria (pediatri di libera scelta), Reumatologia, Assistente sanitario, Tecnico ortopedico, Fisioterapista, Infermiere, Terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, Educatore professionale
Moduli Didattici MODULO 1 – PRINCIPI E METODO DI LAVOROG. Spagnolin
Lezione A – Significato ed effetti della carrozzina nella vita delle persone disabili
Lezione B – Quando e' opportuno proporre una carrozzina?
Lezione C – Criteri di scelta e passi della valutazione
Lezione D – Impostare il colloquio di valutazione

MODULO 2 – CARROZZINE AD AUTOSPINTA E REGOLAZIONE DELL'ASSETTOG. Spagnolin
Lezione A – Tipologie di carrozzine ad autospinta: struttura e destinazione di uso
Lezione B – La scheda d'ordine della carrozzina
Lezione C – Regolare l'assetto: scopi e metodo di lavoro
Lezione D – Regolare l'assetto in funzione della postura
Lezione E – Regolare l'assetto in funzione della mobilita'
Lezione F – Scegliere i componenti della carrozzina legati alla mobilita'
Lezione G – Assetto (testo)

MODULO 3 – CARROZZINE CON TELAIO BASCULANTE E BASI DI MOBILITA' BASCULANTIG. Spagnolin
Lezione A – Struttura e destinazione d'uso
Lezione B – Funzione ed uso delle regolazioni posturali
Lezione C – Fisiologia del basculamento e della reclinazione

MODULO 4 – CARROZZINE ELETTRICHEN. Crivelli
Lezione A – Significato ed effetti della carrozzina elettronica nella vita delle persone disabili
Lezione B – Principi di classificazione e caratteristiche generali delle carrozzine elettroniche
Lezione C – I quattro tipi di trazione
Lezione D – Il sistema di postura dinamico
Lezione E – Sistemi di guida alternativi al joystick
Lezione F – Elettronica espandibile e controllo delle tecnologie ICT
Lezione G – La scheda d'ordine della carrozzina elettronica
Lezione H – La prescrizione col nuovo nomenclatore tariffario
Lezione I – Tecnologie prescrivibili (testo)

MODULO 5 – SCOOTER ELETTRICI E UNITÀ DI PROPULSIONE ELETTRICHEN. Crivelli
Lezione A – Unita' di propulsione per amplificare la spinta
Lezione B – Unita' di propulsione per guida con joystick
Lezione C – Unita' di propulsione per guida accompagnatore
Lezione D – Ausili a trazione elettrica anteriore
Lezione E – Scooter elettrici e affini
Lezione F – La prescrizione col nuovo nomenclatore tariffario

MODULO 6 – CURA DELLA POSTURA IN CARROZZINA: SCOPI DELL'INTERVENTO E MODALITA' DI LAVOROG. Spagnolin
Lezione A – Perche' e' utile occuparsi della postura in carrozzina
Lezione B – Di che strumenti disponiamo per dare una buona postura?
Lezione C – A quali obiettivi mirare?
Lezione D – Metodo di lavoro

MODULO 7 – SCELTA E MESSA A PUNTO DEL SISTEMA DI POSTURAG. Spagnolin
Lezione A – Dare una buona base a bacino ed arti inferiori
Lezione B – Dare un appropriato sostegno posteriore a bacino e tronco
Lezione C – Controllare la mobilita' involontaria destabilizzante
Lezione D – Sostenere gli arti superiori
Lezione E – Sostenere il tronco lateralmente e anteriormente
Lezione F – Sostenere il capo
Lezione G – Sistema di postura e deformita'
Lezione H - Scegliere il sistema di postura e la carrozzina (testo)

MODULO 8 – PREVENZIONE DELLE LESIONI DA PRESSIONE IN CARROZZINAG. Spagnolin / N. Crivelli
Lezione A – Rilevanza del problema
Lezione B – Fattori di rischio
Lezione C – Prevenire le lesioni da pressione intervenendo sul sistema di postura
Lezione D – I cuscini antidecubito: valutazione, metodo di scelta e indicazioni per l'uso
Lezione E – Altre modalita' di prevenzione
Lezione F – La prevenzione di lesioni da prssione e la cura della postura su sedie WC-doccia

MODULO 9 – ADDESTRAMENTO ALL'USO DELLE CARROZZINEG. Spagnolin / N. Crivelli
Lezione A – Principi dell'addestramento motorio
Lezione B – Addestramento carrozzine manuali ad auto spinta
Lezione C – Scala di valutazione sull'uso delle carrozzine manuali
Lezione D – Addestramento carrozzine elettroniche
Lezione E – Scale di valutazione sull'uso delle carrozzine elettroniche
Lezione F – Addestramento (testo)

Modulo 10 – MANUTENZIONE DELLA CARROZZINAN. Crivelli
Lezione A – Scopi della manutenzione
Lezione B – Tecniche di intervento

Docenti Gianantonio Spagnolin, Nadia Crivelli
Provider ECM SMM SRL ID 5129
Corso Vercelli 9 - 20144 Milano
Via Cervignano 16 - 20137 Milano
segreteriaorganizzativa@smm-srl.it
Segreteria Organizzativa Formazione Continua srls
SEDE MILANO: via Merano, 15 / 20127 Milano
SEDE LUCCA: Via San Sebastiano, 5 / 55100 Lucca
segreteriaorganizzativa@affidabile.it
Crediti 50 CREDITI ECM
Verifica Al termine del corso e' prevista verifica dell'apprendimento tramite questionario con risposte a scelta multipla. Si ricorda che secondo le recenti normative i tentativi possibili sono 5. Si prega di leggere attentamente le istruzioni a riguardo.
Questionario di valutazione dell'evento Al termine della verifica di apprendimento e' necessario completare anche il questionario di valutazione dell'evento (questionario di gradimento).